Dicono del romanzo

27 dicembre 2013

Quando non vedi l’ora di avere un attimo di tempo libero per leggere un libro, significa che l’autore ha fatto un lavoro fenomenale…E “Voci di Cicala” è questo genere di libro! Complimenti!

Fabio Angiolini

11 ottobre 2013

Ho letto “Voci di cicala”, è un libro molto bello che consiglio a tutti, opera prima sorprendente. Brava Miriam, aspetto il tuo secondo libro!

Mariella

19 settembre 2013

Un libro coinvolgente, pieno di sorprese ed emozioni, dedicato ad un ampio pubblico, dai più grandi ai ragazzi più giovani. Consigliato profondamente!!

Daniel Longoni

28 agosto 2013

“Voci di Cicala” arriva fino al limite della retorica, ma non lo oltrepassa mai. E a salvarlo c’è lei, la scrittrice, Miriam Terruzzi. Di anni ne ha solo 22, ma questo romanzo è stato scritto a 18. Una maturità d’autore inusuale. Affrontare temi quali la guerra, l’amicizia e l’amore è terreno insidioso, eppure la Terruzzi – misteriosamente – non frana mai del tutto. Ogni tanto scivola, barcolla, si sente nel suo orizzonte di valori tutta la sua giovinezza; ma non cade mai. E forse non cade perché supportata da quello che chiamano “talento”. Perché è già matura, ma si affinerà ancora di più. “Voci di Cicala” è puro e onesto, come poche cose lo sono nei nostri tempi convulsi; un romanzo onesto e intenso. Roba da innamorarsi perdutamente, perché scuote cervello e cuore. Roba da innamorarsi – c’è quasi da tremare a dirlo – per sempre. Perché solo con certi valori puoi davvero azzardarti a spingerti a pronunciare due parole tanto vituperate: “Per Sempre”.

Valerio Villa

26 agosto 2013

In vacanza tra un bagno e una gita son riuscito a leggerlo tutto!
Commenti tecnici non ne ho, ti posso solo dire che la storia mi è piaciuta e anche un po’ commosso.. Più lo leggevo più mi “prendeva”, un giorno son riuscito a leggere 120 pagine: per me impensabile, non ci credevo. Anche qui, come in bici, l’allenamento paga!

Massimo Belli

15 agosto 2013

Ho letto “Voci di Cicala” e mi è piaciuto moltissimo. Soprattutto ho apprezzato la seconda parte. Fai delle riflessioni e delle considerazioni profonde e molto mature per la tua giovane età.

Piera

1 agosto 2013

Ti confesso che leggere i libri non è tra le mie attività preferite, in particolare non avrei mai pensato di comprare un romanzo d’amore, non so bene per quale ragione mi sono convinto ad ordinare il tuo libro; ora che ho finito di leggerlo, però, voglio complimentarmi con te, non ho commenti tecnici da fare al tuo lavoro, perchè non ne sarei in grado, ma proprio per la mia avversità a testi che superano un foglio A4, devo ammettere che sei stata capace di incuriosirmi e pagina dopo pagina mi sono appassionato alla storia e alla bellezza dei tuoi personaggi. Complimenti.

Mauro Salvaderi

15 luglio 2013

Ho appena finito di leggere, che dico di “divorare” Voci di cicala. Mi e’ piaciuto molto e faccio i miei complimenti a Miriam per le descrizioni molto particolareggiate di luoghi, eventi e personaggi. Mentre leggi ti sembra di essere lì vicino a Bina, Filippo, Etta e tutti gli altri. Mi ha colpito la grande maturità, semplicità e determinazione di Bina nell’affrontare qualsiasi situazione nonostante la sua giovane eta’. Al giorno d’oggi chissa’ se ci sono queste ragazze, mah? A parte tutto, brava Miriam, continua cosi’. Al tuo prossimo libro!

Giuliana Meroni

26 maggio 2013

Quando leggevo “Voci di Cicala” non vedevo l’ora di trovare il tempo di sapere cosa facesse “Cherubina, Filippo, Etta…..” mi sono affezionata a loro. Ho sorriso, ho pianto mi sono emozionata, ho riletto alcune frasi più volte che mi hanno toccato il cuore. Complimenti!!! Mi piacerebbe sapere ancora di Cherubina… mi piacerebbe leggere il tuo nuovo libro quando lo finirai.

Fulvia

24 maggio 2013

Non ricordo chi abbia detto che certi temi si esplicitano meglio in un romanzo, piuttosto che in un trattato scientifico. Il tuo lavoro d’ esordio come scrittrice conferma tale affermazione. Nella trama degli avvenimenti ricorre sovente la parola “amore” che in questi tempi è la più abusata. Non così per il personaggio principale del tuo romanzo: una ragazza bella e giovane con l’animo colmo di tante attese in campo affettivo che sembrano vanificarsi per le circostanze avverse. Lei le affronta, sorretta da una speranza, mai data per acquisita, ma che alimenta giorno dopo giorno. Tale costanza sfocia nella sua piena maturità di donna. Emblematico in tal senso è l’episodio, uno dei tanti, del giovane Fermino che sintetizzo al massimo. Siamo in una stanzetta di un ospedale: vi è ricoverato il fidanzato della protagonista del romanzo che lo assiste da tempo. Fermino, pure lui ammalato, arriva ad occupare il letto accanto. Tutto qui? Ovviamente no e la lettura, con un certo stato d’animo, delle pagine inerenti questo caso portano il lettore in un’atmosfera singolare ben focalizzata…”potevano sembrare, ad un occhio estraneo, una piccola famiglia“. La chiave di lettura del tuo libro l’ho intuita così e la ritengo non secondaria perchè sono d’accordo, come traspare dal libro, che il sentimento vero deve prevalere sul sentimentalismo. Il primo rimane anche con gli alti e bassi, il secondo lascia il tempo che trova.

Giulio Oggioni

16 marzo 2013

Un romanzo intenso, profondo nella storia, nelle vicende narrate e nella scenografia sulla quale si svolge, che riscopre ed espande totalmente il senso del termine “drama” (δρᾶμα, “azione”, “storia”; da δρᾶν, “fare” – termine che non ha affatto l’accezione sostanzialmente negativa che oggi invece noi gli diamo!) in un contesto letterario che lo riporta al lettore nella sua pienezza: una storia d’azione, appunto, e una piacevole armonia letteraria tra le vicende tragiche del tempo di guerra e quelle umane d’amicizia e d’amore che nessuna battaglia potrà far svanire.
“Voci di cicala”, di Miriam Terruzzi (Senso Inverso Edizioni). Leggetelo, vi catturerà senza dubbio.

Luca Rota 

12 thoughts on “Dicono del romanzo

  1. Rosanna ha detto:

    Bina, Bina, Bina………………
    Coinvolgente Bina.
    Ogni momento libero mi ritrovo con “Voci di cicala” in mano per vedere cosa COMBINA la nostra Bina.
    Era parecchio che non mi succedeva.

  2. paola.m. ha detto:

    Ho portato con me in vacanza il libro “VOCI DI CICALA” ,beh che dire…un libro veramente meraviglioso.. emozionante..coinvolgente ..puro!! l’ ho letto in tre giorni , non riuscivo a staccarmi, una pagina tirava l ‘altra ed ora che l’ ho terminato mi mancano un pò quei momenti in cui mi isolavo e mi immergevo in questo bellissimo romanzo!!!!!!!!..lo consiglio vivamente a tutti!!!!…bravissimaaaaaa Miriam ,ora attendo la tua prossima opera.
    .

  3. Rosella ha detto:

    Ciao Miriam, io nn sono velocissima quando inizio un libro ,così’ e’ stato anche questa volta, all’inizio
    Ma una volta entrata nella storia nn sono piu’ riuscita a smettere…..Bina e Filippo una bella storia d’amore .
    Amore vero cm e’ difficile trovarne !!
    Bravissima Miriam….. Al prossimo libro….!!!!

  4. miriam ha detto:

    Ciao Rosella, sono contenta che il romanzo ti sia piaciuto e che la trama ti abbia coinvolto…Anche a te dico: continua a seguirmi, il prossimo libro arriverà (spero) presto!

  5. Luisella ha detto:

    Storia coinvolgente , di quelle che si leggono tutto d’ un fiato . E’ uno di quei libri che una volta letti vorresti conservare nella tua biblioteca ….
    E ora che l’ ho finito …… aspetto il prossimo !!!

    • miriam ha detto:

      Ciao Luisella, grazie! La scelta di conservare un libro nella propria biblioteca da valore al libro stesso e questo, detto da una lettrice, è bellissimo! Il prossimo è in cantiere e ci sto lavorando con impegno! A presto!

  6. Donatella La panettiera ha detto:

    Fantastico.intrigante.inizi a leggerlo e fai di tutto per continuarlo a leggere fino alla fine.stupendo.

    • miriam ha detto:

      Grazie Donatella! Tutto quello che hai detto è molto importante per la vita di “Voci di Cicala”, affinché i suoi protagonisti continuino ad entrare nelle giornate e nella quotidianità dei lettori…Grazie!

  7. Angela Painetta ha detto:

    Complimenti Miriam! La tua capacità di descrivere luoghi e situazioni mi ha proiettato nella storia da protagonista. Davvero coinvolgente!

  8. laura ha detto:

    Un amore dolce e forte, l’angoscia della malattia, la durezza della guerra. Brava sei stata davvero brava, hai saputo raccogliere tutto questo senza essere noiosa….anzi….assicuro che leggendolo c’è la voglia di andare avanti e arrivare alla fine, credo che sia importante per chi ha tra le mani un libro…MOLTO BELLO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...