La signora Ennia e “Voci di Cicala”

san martinoEnnia è una distinta signora novantaduenne  di Milano, in villeggiatura a San Martino in Badia. La sera, dopo le sue passeggiate, legge con entusiasmo “Voci di Cicala“.  E’ davvero bello sapere che il romanzo raggiunge sempre più persone nel relax delle loro vacanze. Ennia, con il suo nome, mi porta a ricordare certi personaggi di Liala, scrittrice del Novecento: i suoi romanzi mi accompagnano da quando avevo tredici anni e i nomi delle sue protagoniste erano sempre un po’ insoliti e romantici.

La casa con le persiane azzurre e i luoghi del romanzo.

casa azzurraMolti lettori mi chiedono se la casetta bianca dalle persiane azzurre che che accoglie i pensieri e le speranze della protagonista di “Voci di Cicala” esiste veramente…
La piccola costruzione dove Cherubina abita è frutto di fantasia ma vedendo questa casa affacciata sul lago di Como ho pensato subito a quella che, nel romanzo, si affaccia sul Mar Ligure.

E voi? Avete notato dei luoghi o dei particolari che vi riportano con la fantasia alle pagine del libro?
Mandatemi le foto e le pubblicherò in una apposita sezione sul blog e sulla pagina Facebook!!

In vacanza…con voi!!

vociVoci di Cicala” va in vacanza…con voi!! Sulle spiagge o sui monti continuate a leggere e a parlare del romanzo! Il passaparola è un modo divertente per conoscere nuove persone e per aiutare la crescita di un libro che vi è piaciuto. Consigliatelo ai vicini di ombrellone o di passeggiata e dite la vostra scrivendo sulla pagina Facebook, sul blog  o su Twitter con l’hastag #VocidiCicala

 

Cosa dicono i lettori.

libro fioriCosa dicono i lettori su “Voci di Cicala”? Date un’occhiata alla sezione “Dicono del romanzo” per scoprire le sensazioni e le emozioni di chi lo ha letto. Se avete anche voi qualcosa da dire sulla storia, sui personaggi o semplicemente condividere quello che il romanzo vi ha trasmesso, scrivete sul blog oppure inviate una mail a miriamterruzzi@gmail.com e pubblicherò i vostri scritti. Thomas Mann diceva che l’autore non è il miglior conoscitore della propria opera. Forse nel tempo in cui la scrive ma non quando l’avrà lasciata alle spalle: “Col tempo gli altri ne sono informati e vi si raccapezzano meglio di lui, sicchè possono rammentargli molte cose che egli ha dimenticate o forse non ha neanche sapute mai con chiarezza.
“Voci di Cicala” è diverso per ogni persona che lo legge. Aspetto la vostra personale visione.